Il Pagellone di SPURS 2-1 Southampton

fonte: tottenhamhotspur.com

fonte: tottenhamhotspur.com

LLORIS 6 nessun intervento complicato, incolpevole sul gol ma un po’ impreciso nei rinvii, che spesso finiscono direttamente in laterale.

WALKER 6 non la sua migliore performance: non riesce ad incidere come al solito sulla corsia di destra e spesso Redmond lo costringe a pensare più a difendere che ad attaccare. Presentazione comunque sufficiente.

DIER 6.5 ferma sempre il diretto avversario e non si fa mai cogliere fuori posizione.

ALDERWEIRELD 6 governa bene la difesa, ma cicca goffamente il pallone in occasione del gol degli ospiti che riapre l’incontro.

VERTONGHEN 6.5 dal suo lato non arrivano grossi pericoli, si limita a controllare e far ripartire la manovra. Continue reading

Il Pagellone di SPURS – Everton 3-2

Courtesy of: www.tottenhamhotspur.com

Courtesy of: www.tottenhamhotspur.com

 

LLORIS   6   Partita strana per il nostro capitano, alla 200esima in maglia Spurs. Il lavoro della difesa fa si che Hugo non debba compiere nessuna parata di rilievo, ma solo raccogliere tiri smorzati. Sfortunatamente concede due gol sulle due uniche occasioni avute dagli avversari. Ci fa trattenere il respiro con un’uscita un pò avventata sul 2-1.

WALKER   6   Baines gli sta spesso attaccato, e riesce ad andargli via solo in occasione del presunto rigore ad inizio match. Meno pungente del solito ma la difesa a tre gli va a genio, permettendogli di essere uomo in più in fase offensiva. 

DIER   6   per 80′ l’Everton spara a salve, merito dell’eccellente lavoro difensivo della squadra. Si fa anche apprezzare per un perfetto lancio per Walker per il sopracitato episodio. Perde un pò di concentrazione a fine gara, facendosi scappare Valencia per il 3-2. Ergo mezzo voto in meno.

ALDERWEIRELD   6.5   tiene a bada Lukaku per praticamente tutta la partita, dirige sapientemente l’orchestra in fase difensiva.

VERTONGHEN   7.5 Oggi mostruoso. Gli perdono anche l’essere scivolato per il 2-1 di Lukaku. Cancella il connazionale dalla partita, e nel primo tempo compie un paio di interventi da manuale del difensore. Spesso uomo in più in spinta, trova quasi il gol con un missile respinto da Robles. Avesse segnato, avrei dato a lui il MOTM.

DAVIES   6.5   Danny Rose è tutta un’altra cosa, lo sappiamo. Ma il terzino gallese oggi non sfigura contro il pericoloso Coleman, che finisce con innervosirsi vista la pochezza di palloni giocabili. Parte del merito va anche a Ben Davies.

WANYAMA   6.5   La statistica dice che non ha saltato un minuto di Premier League quest’anno. Giocatore fondamentale a mio avviso. Entrato in punta di piedi, si è preso un posto da titolare, che nessuno credo possa toglierli. La gara a centrocampo è rude e maschia, pane per i denti della diga kenyana. Va quasi in gol con un tiro smorzato sul palo. 

DEMBELE   6.5   Koeman è un allenatore preparato e sa quanto importante Mousa sia per la nostra costruzione offensiva. Infatti Mousa si trova spesso raddoppiato e non riesce ad esprimersi come suo solito. Tuttavia compie una giocata decisiva andando a pressare alto i centrali avversari che regalano il pallone ad Alli che serve Kane per il 2-0. 

ERIKSEN   5.5   Unico insufficiente a mio parere. Un pò avulso dal gioco. Come detto su, la partita a centrocampo è molto dura, ed il danese tende a stare alla larga. Mette qualche palla interessante su gioco da fermo, ma meno presente rispetto alle ultime uscite. 

ALLI   6.5   Alcuni giocatori avversari tentano di innervosirlo, conoscendo il carattere fumantino del nostro numero 20. Dele è bravo a non cadere nella trappola ed a pensare alla propria partita. Serve a Kane la palla del 2-0. Chiude il match con un inserimento sontuoso ed un tocco altrettanto pregevole. 13 gol in campionato, più di gente come Aguero, Mané o Hazard.

KANE   8  (Man of the Match)   5 gol in una settimana, 19 in campionato e capocannoniere, persino saltando due mesi per infortunio. Si mangia un paio di gol che gli darebbero la tripletta, ma fino a quel momento è letale. Il primo gol è superbo, non solo per l’esecuzione ma per come lo ha voluto. Williams la mette sul piano del wrestling, e per i primi 19′ si vede zero. Allora Hurrikane decide di andarsi a prendere la palla venti metri più indietro, per poi spedirla all’angolino con un gran destro che non lascia scampo a Robles. Poi al 55′ timbra la doppietta personale a tu per tu con il portiere spagnolo dei Toffees.

WINKS   6.5   entra subito nel vivo del gioco e si fa apprezzare per la lotta a centrocampo. Serve un delizioso pallone ad Alli per il 3-1, bravo ad intuire il movimento del compagno ed a servirlo con precisione.

JANSSEN   6.5   entra per tenere su palla e guadagnare falli. L’olandese si procura un paio di punizioni preziosissime, dalla prima della quali nasce il 3-1 di Alli. 

SISSOKO   sv  entra nel finale per rimpolpare il centrocampo, ma gioca troppo poco per giudicarlo. 

 

GLI AVVERSARI   5.5   Molto più solidi degli avversari scesi al Lane di recente, almeno in avvio. Tengono molto bene il campo e giocano di prima con efficacia. Il gol di Kane li spegne, rischiando spesso di capitolare. Regalano il 2-0 e di li in poi il Tottenham è in controllo. Ci credono quando Lukaku trova il 2-1, ma non sanno neanche loro come siano riusciti a segnarne due gol in una partita in cui sono stati tenuti a bada benissimo.

Il Pagellone di SPURS 4-0 Stoke City

Fonte: www.tottenhamhotspur.com

Fonte: www.tottenhamhotspur.com

LLORIS   6.5   l’unico dei Potters ad impensierire il nostro portiere è Crouch (partendo da posizione di fuorigioco non ravvisata dalla terna arbitrale) con un tap-in da pochi passi che il nostro capitano è lesto a respingere col piede. Dopo quest’episodio si gode da posizione privilegiata lo show dei compagni.

WALKER   7   corre avanti e indietro per la corsia di destra come un treno ad alta velocità, servendo palloni interessanti ai nostri attaccanti. Prova anche ad andare a referto: nel primo tempo con una volè dal coefficiente di realizzazione elevatissimo e nel secondo con un rasoterra incrociato su assist del solito Eriksen.

DIER   7   dopo le brutte prestazioni contro Liverpool e Gent, torna su standard elevati con una prestazione convincente.

ALDERWEIRELD   7   dal punto di vista tecnico-tattico (per citare Capello) è irreprensibile come al solito, ma ci tiene con il fiato sospeso per aver lasciato anzitempo il terreno di gioco (per fortuna camminando senza problemi) dopo essersi accasciato a terra.

VERTONGHEN   7.5   solido in fase difensiva, si fa notare anche nell’area avversaria trovanfo però soltanto la traversa sugli sviluppi di un calcio d’angolo.

DAVIES   6.5   in difesa ha vita facile, vista la pochezza dell’avversario, ma in fase offensiva potrebbe partecipare di più. Prestazione comunque ampiamente sufficiente.

WANYAMA   7.5   fare la diga in mezzo al campo oggi è più facile del solito, visto che lo Stoke non riesce praticamente mai a mettere il naso fuori dalla propria metà campo, ma gran parte del merito va ancora una volta al nostro mediano keniano ed al suo pressing asfissiante.

DEMBELE   7   infonde tranquillità e sicurezza ai compagni, oltre a servire soluzioni interessanti ai giocatori offensivi.

ERIKSEN   8   non trova la gioia personale, ma ispira la tripletta di Kane con due assist ed in generale offre sempre palloni interessanti ai propri compagni.

ALLI   7.5   dopo il brutto cartellino rosso rimediato giovedì a Wembley reagisce da campione, zittendo tutte le critiche con il gol che chiude i conti già a fine primo tempo.

KANE   10   (Man of the Match) sinceramente non ricordo di aver mai dato un 10 da quando faccio il pagellone. Evidentemente sono troppo severo, ma neanche Bale era mai riuscito a convincermi ad utilizzare due cifre per un voto. Oggi però la semplicità con cui Harry distrugge gli avversari in poco più di un quarto d’ora (dal quindicesimo al trentesimo circa del primo tempo) è disarmante, soprattutto se si contano le partite fatte in questo periodo dal nostro attaccante e quelle fatte dalla difesa avversaria (che veniva da due settimane di riposo). Ah, oltre alla tripletta c’è anche l’assist ad Alli per il definitivo 4 a 0. Incontenibile.

WIMMER   6.5   entra al posto di Alderweireld ad inizio ripresa, si fa trovare preparato e non fa rimpiangere il più blasonato compagno belga.

WINKS   6.5   ennesima prova di qualità per il giovane centrocampista cresciuto nel nostro vivaio.

SON   sv  entra nel finale per regalare una meritatissima standing ovation ad Harry Kane,

 

GLI AVVERSARI   4   come le volte che Grant deve raccogliere il pallone in fondo al sacco. Dominati dall’inizio alla fine.

 

Il Pagellone di Liverpool 2-0 SPURS

Fonte: www.tottenhamhotspur.com

Fonte: www.tottenhamhotspur.com

LLORIS   5   esce con i tempi sbagliati, respinge centralmente in occasione del secondo gol dei reds, in fase di disimpegno non è preciso e non trasmette sicurezza ai compagni. Giornata da dimenticare.

WALKER   6   tutto sommato è tra i pochi salvabili di questa partita, ma più per demeriti altrui che per meriti propri.

ALDERWEIRELD   6   vale quanto detto per Walker.

DIER   4.5   Eric è invece tra i peggiori di questa sciagurata trasferta ad Anfield. Soffre la velocità degli attaccanti avversari ed il suo errore in occasione del secondo gol di Manè è troppo grave e troppo evidente per non rimediare un votaccio.

DAVIES   3   dal suo lato abbiamo i problemi maggiori. Ben non è un terzino di spinta, lo sappiamo, ma sinceramente in fase difensiva deve dare di più. E’ spesso fuori posizione e tiene in gioco Manè sul primo gol non salendo con i tempi dei compagni. Per concludere in bellezza rischia anche un clamoroso autogol su un retropassaggio a Lloris. Di Canio in telecronaca ribadisce che Rose è di un’altra categoria (fra l’altro ricordo a Paolino che Rose si chiama Danny e non Dennis, visto che l’ha chiamato così per tutto la gara; errore non gravissimo se non l’avesse allenato ai tempi del Sunderland).

WANYAMA   5   non è il solito trattore e tutta la squadra, inevitabilmente, ne risente. Non riesce a spezzare la trama avversaria ed in fase di impostazione è troppo impreciso.

DEMBELE   6.5   (Man of the Match) più che Man of the Match dovrei scrivere il meno peggio. E’ l’unico che prova a mettere in difficoltà i centrocampisti ed i difensori del Liverpool, ma purtroppo predica nel deserto.

ALLI   4.5  dopo il premio di giocatore del mese di gennaio non si mostra all’altezza delle attese, cercando sempre la giocata personale non riuscendo praticamente mai a saltare l’uomo.

ERIKSEN   5   durante l’asta di riparazione del fantacalcio è arrivato alla mia corte in seguito ad uno scambio. I risultati si vedono subito: prestazione incolore.

SON   5.5   tra i giocatori offensivi è quello che si dà più da fare, ma non produce nulla di buono. Anzi, ha sui piedi il pallone che cambierebbe l’inerzia del match ma spara malamente addosso a Mignolet.

KANE   5   i compagni non lo servono a dovere, ma anche lui non se la cava benissimo contro un avversario tutt’altro che insuperabile come Lucas Leiva.

WINKS   6.5   entra a metà ripresa al posto di Eriksen, dimostrando di avere personalità.

SISSOKO   sv

JANSSEN   sv

 

GLI AVVERSARI   8   la migliore squadra che abbiamo incontrato sinora. Vittoria schiacciante e meritatissima.

Il Pagellone di SPURS 1-0 Middlesbrough

Fonte: www.tottenhamhotspur.com

Fonte: www.tottenhamhotspur.com

LLORIS   6   al rientro dopo l’influenza che l’ha tenuto a riposo forzato nell’ultima trasferta, si porta a casa un comodo clean sheet senza dover compiere interventi particolari.

WALKER   6.5   le volte che viene chiamato in causa in fase offensiva dimostra di poter essere un pericolo per la difesa avversaria, ma soprattutto nel primo tempo giochiamo maggiormente sull’altra corsia.

DIER   6   giornata tranquilla.

ALDERWEIRELD   6.5   qualche bella chiusura sul rapido Adama Traore e qualche bel lancio in una partita non complicatissima. Un suo colpo di testa si infrange sul palo sugli sviluppi di un calcio d’angolo.

DAVIES   6   con Rose avremmo avuto un 2 contro 1 fisso in fase offensiva e saremmo stati molto più efficaci sul lato sinistro. Davies è un buon difensore, ma non sa spingere.

DEMBELE   7   ennesima partita dominata dai nostri in mezzo al campo. E gran parte del merito va al belga (oltre che al solito Wanyama).

WANYAMA   7.5   (Man of the Match ex aequo) è ovunque: in mezzo al campo a recuperare ed impostare, al limite dell’area pronto a raccogliere la respinta dei difensori del Boro e sulla fascia destra in copertura quando sale Walker. Secondo  me Poch ne ha messi almeno due ieri.

SON   7.5   (Man of the Match ex aequo) se mi conoscete sapete che non stravedo per il coreano. Anche ieri sciupa troppo a mio avviso, ma è il giocatore su cui abbiamo puntato di più per scardinare la difesa avversaria ed alla fine ci riesce, procurandosi il rigore che decide l’incontro. Mi sento quindi in dovere di premiare la sua caparbietà.

ALLI   6.5   qualche sprazzo di classe con giocate tanto belle da vedere quanto funzionali alla squadra, ma questa volta non riesce a marchiare l’incontro.

ERIKSEN   6   serve un pallone incredibile ad Alli ad inizio match, ma man mano che passano i minuti si nota sempre meno. Non gioca una brutta partita, ma sappiamo che può dare di più.

KANE   6.5   decide l’incontro spiazzando l’esperto Valdes dal dischetto.

SISSOKO   sv   Poch gli concede qualche minuto nel finale.

WINKS   sv

JANSSEN   sv

 

GLI AVVERSARI   6.5   gli uomini di Karanka arrivano a White Hart Lane con soltanto 26 gol al passivo nonostante la poco invidiabile posizione in classifica. E la gara si fa subito complicata, perchè, nonostante il dominio a livello di gioco, non riusciamo a sbloccarla. Alla fine il Boro esce a testa alta da White Hart Lane, con una sconfitta meritata ma di misura.